21 Settembre 2019

STUDIO DI NATUROPATIA GASTROENTERICA E GENERICA


CORRETTA ALIMENTAZIONE PER IL MORBO DI CROHN E LA RETTO COLITE ULCEROSA

25-01-2016 17:04 - MORBO DI CROHN E RETTO COLITE ULCEROSA
PROGRAMMA ALIMENTARE ANTINFIAMMATORIO


Ogni malato di Crohn o di altra malattia infiammatoria cronica o malattie con alterata reazione del sistema immunitario è una storia a sé anche per quanto riguarda l'alimentazione. Per cui regole generali non potranno sostituire un programma alimentare su misura. In assenza di un programma specifico individuale è comunque utile seguire un regime alimentare che elimini i cibi più noti come pro-infiammatori e favorisca quelli ad azione antinfiammatoria. Quello che segue non è un piano alimentare puramente teorico; è stato sviluppato trattando per anni malati di Crohn ed RCU i quali, seguendo anche (ma non solo) queste direttive generali sull'alimentazione hanno conseguito i seguenti risultati.

1)Favorire il consumo di frutta e verdura fresca così da rifornire l'organismo delle vitamine e minerali necessari. Mele e pere nonostante contengano zuccheri, grazie alle fibre non fanno salire eccessivamente la glicemia (per chi è diabetico o in sograppeso addominale). Le verdure sono indispensabili per il corretto funzionamento dell'intestino grazie alla presenza di fibre. Quindi includere della verdura ad ogni pasto. Frutti particolarmente antinfiammatori sono quelli di bosco ricchi di antiossidanti. Verdure da insalata con alto contenuto di cellulosa (come le parti bianche e spesse dell'iceberg) vanno evitate in quanto irritanti e causa di fermentazione. Per chi ha stenosi o ulcere o erosioni la buccia ed i semini vanno tolti e la relativa frutta e verdura va masticata molto bene, verdura eccessivamente dura come le carote crude in questi casi va evitata . E' però errato togliere del tutto frutta e verdura a tali categorie come suggerito spesso dai gastroenterologi. Solo nel caso di severa stenosi o estese ulcerazioni frutta e verdura va alquanto limitata e solo temporaneamente mentre si aiuta la cicatrizzazione della zona ulcerata con appositi programmi di cicatrizzazione o si risolve la stenosi se non è di tipo fibrotico. In quest'ultimo caso più essere d'aiuto l'innovativa tecnica del Dr Naspetti del Careggi di Firenze con l'allargamento pneumatico della stenosi tramite apposito stent intestinale se il tratto stenotico non è eccessivamente lungo e se accessibile endoscopicamente.
2)Frutta secca non salata (a parte le arachidi) è molto benefica con proprietà antinfiammatorie, purtroppo molti risultano intolleranti. Le più consigliate sono le noci pecan in quanto quasi mai risultano intolleranti.

3)Evitare il più possibile zuccheri ed alimenti irritanti (in ogni caso meglio lo zucchero di canna integrale - non grezzo - che quello raffinato bianco) , bevande gasate, cioccolato alcolici in eccesso,peperoncino, insaccati, crostacei, frutti di mare e fritti. Attenzione al fruttosio, è vero che ha un più basso indice glicemico ma favorisce l'instaurarsi della resistenza insulinica (che può predisporre al diabete o al sovrappeso) e determina un aumento di acidi urici nel sangue. La stevia è un ottimo dolcificante naturale senza effetti collaterali. Si consiglia inoltre di evitare birra, patatine fritte, paprika, senape e carragenina (addensante presente in alcuni prodotti come la panna montata spray).

4)Bere molta acqua lontano dai pasti. Almeno un litro, meglio se due. Meglio se acqua filatrata anche con una semplice caraffa filtrante da 24 euro. Meglio ancora un sistema di depurazione e filtraggio a osmosi inversa che oggi sono disponibili a costi più che accessibili con poche centinaia di eruo. Bere molto poco durante i pasti per non diluire i succhi gastrici. E' importante invece bere poco durante i pasti per non diluire troppo i succhi gastrici rendendo quindi più difficile la digestione. E' inoltre consigliabile in alcuni casi, ad esempio sopra i 50 anni o in presenza di disturbi o malattie connesse ad un alto carico tossinico nei tessuti come le malattie autoimmuni, bere acqua alcalina in quanto ha proprietà antinfiammatorie e disintossicanti. Il PH deve essere almeno 8 o superiore, esistono diverse soluzioni, la più semplice è quella di acquistare bottiglie d'acqua in base al PH riscontrabile nell'analisi chimica. Per PH superiore ad 8 l'assunzione va monitorata per evitare l'eccesso opposto di alcalinità. Vi sono poi gocce alcalinizzanti che possono essere aggiunte ad un acqua preferibilmente filtrata. Se tendete facilmente alla diarrea potrebbe essere consigliabile limitare il bere ma senza disidratarsi e solo per il periodo di tempo necessario a normalizzare la consistenza delle feci.

5)Masticare molto bene e a lungo. Questa è una questione di abitudine che può determinare parecchi problemi se non rispettata a stomaco ed intestino in quanto una masticazione frettolosa induce lo stomaco ad un sovraccarico che poi si riversa sull'intestino. Rischiamo così di avere del cibo dopo lo stomaco che l'intestino non è in grado di scomporre nei suoi elementi fondamentali e che agisce non più come fonte di elementi nutritivi ma come materiale tossico che nel migliore dei casi viene eliminato ma più spesso viene "assorbito" determinando la reazione del nostro sistema immunitario con conseguente infiammazione e permeabilità intestinale che causa a sua volte le intolleranze alimentari. Ciò può rappresentare una concausa del morbo di Crohn.

6)In allineamento con il punto 5, mangiare con calma, in tranquillità e serenità. Fattori di stress durante il pasto possono essere un fattore chiave nel deterioramento dell'apparato digerente.

7)Come fonti di proteine preferire il pesce alla carne ma meglio ancora le proteine vegetali. Chi ha il Crohn deve muoversi verso la direzione di diminuire il più possibile proteine animali (carne e pesce) ed aumentare il più possibile l'introito di proteine vegetali, tre ottime fonti a riguardo: semi di canapa decorticati, spirulina in polvere e proteine in polvere di riso. Tutti e tre questi alimenti sono facilmente reperibili su diversi siti on-line. Le proteine vegetali in polvere mixate / shakerate con succo di carota rappresentano un ottimo pasto sostitutivo per mettere a riposo parziale intestino e colon pur fornendo molti nutrienti essenziali. I legumi non sempre sono tollerati a causa del contenuto di lectine per cui si consiglia cautela, per chi li tollera bene sono una buona fonte di proteine vegetali, fibre e carboidrati a lento rilascio.

8)Eliminare tutti i grassi idrogenati o trans come le margarine (non tutte) e tutti i grassi lavorati ad alte temperature. Non bisogna però criminalizzare i grassi in quanto quelli giusti sono necessari. Burro chiarificato (senza le proteine del latte) ed olio extra vergine di oliva vanno benissimo oltre agli omega 3 ed omega 6 contenuti nel pesce e nella frutta secca. Una quantità limitata di grasso animale non alterato è consigliabile.

9) Affettati e salumi da limitare per la presenza di nitriti come conservanti che si trasformano in nitrosammine, sostanze sia tossiche che cancerogene. Gli insaccati sono ancora più tossici (salame, mortadella, salsicce ecc.)

10)Per il condimento (e preferibilmente anche per la cottura) usare olio di oliva extra vergine.

11)Fare uso di integratori bilanciati per vitamine e minerali allo scopo di sopperire alle mancanze di tali elementi vitali nei cibi di oggi. Vitamine e minerali sono dei metabolizzanti per cui quando presi nelle giuste quantità, contribuiscono direttamente alla perdita di peso ma solo per chi è in sovrappeso. Alcuni medici nutrizionisti, non tutti ovviamente, (indottrinati a dovere dalle case farmaceutiche) affermano che gli integratori normalmente non sono necessari in quando con un adeguata alimentazione "abbiamo tutto il necessario". Tale affermazione purtroppo è falsa in quanto non tiene conto della realtà dei fatti. O meglio, sarebbe vera solo nel caso in cui potessimo mangiare tutto biologico con zero conservanti zero additivi, tutto fresco appena coltivato e soprattutto senza stress eccessivo nello stile di vita, senza inquinanti ambientali ecc, ecc. In pratica una realtà virtuale che non sarà mai realizzabile. Secondo gli studi condotti dal nutrizionista Patrick Holford la frutta e la verdura non contengono più le vitamine ed i minerali che dovrebbero contenere, ad esempio nelle arance coltivate oggi è stata trovata solo il 20% della vitamina C che una volta vi si trovava. Ciò a causa dei ritmi accelerati e spinti di coltivazione su terreni sempre più carichi di inquinanti e sempre meno nutriti dai minerali ed humus naturali. Quindi da un lato abbiamo un'alimentazione molto più povera di nutrienti essenziali rispetto a quel 100% di cui avremmo bisogno in condizioni normali e dall'altro abbiamo molti fattori che richiedono più del 100% come ad esempio tutte le sostanze tossiche (conservanti, additivi, ecc,) ed inquinanti chimici ambientali i quali per essere detossificati dal nostro organismo richiedono una quantità extra di nutrienti essenziali (che sono omega 3 e 6, vitamine, minerali e aminoacidi che noi non siamo in grado da soli di sintetizzare). Inoltre lo stress sia fisico che mentale di tutti i giorni richiede quantità extra di determinati nutrienti come ad esempio vitamina C, il complesso B, in particolare l'acido pantotenico, il magnesio, il potassio ed altri. Semplificando: in condizioni normali avremmo bisogno di 100 ma con l'attuale stile di vita e tossicità ambientale l'organismo ne richiede da 150 a 300 mentre dall'alimentazione siamo fortunati se ne otteniamo 60. Ecco dunque che la necessità di integrare non è applicabile solo ad alcune specifiche situazioni ma alla stragrande maggior parte delle persone. Questa non è solo teoria, io lo vedo tutti i giorni nelle persone che migliorano la loro energia grazie ai giusti integratori. Tutto ciò per le persone sane, chi ha una malattia come il Crohn necessita di molti più nutrienti rispetto ad un'altra persona per riparare i tessuti danneggiati, per sostenere il lavoro extra del sistema immunitario e a compensazione di uno scarso assorbimento.

12)In base a molte centinaia di test effettuati Tutti risultano fortemente intolleranti al caffè, se per una persona normale un solo caffè al giorno non è particolarmente dannoso, per un malato di Crohn o di RCU o altra M.I.C.I. il caffè è un vero veleno che peggiora la malattia. Il caffè è causa diretta di squilibri ormonali per la sua azione sulle ghiandole surrenali in quanto stimola la produzione di adrenalina e cortisolo. In tal modo portano più facilmente all'esaurimento le ghiandole surrenali (che producono questi ormoni) e quindi all'incapacità dell'organismo di spegnere autonomamente l'infiammazione richiedendo quindi cortisonici o altri antinfiammatori. Inoltre questi ormoni alzano i livelli di glicemia nel sangue e quindi nel cervello facendoci si sentire più svegli e pronti mentalmente ma ad un prezzo di cui spesso non siamo consapevoli contribuendo ad un generale squilibrio ormonale ed in modo specifico per la donna peggiorando i sintomi della sindrome premestruale, in particolare il dolore al seno. Inoltre il normale processo di torrefazione altera alcune delle sostanze di cui è composto il caffè rendendole tossiche e pro-infiammatorie, più o meno nello stesso modo in cui olii del tutto salutari come l'extra vergine di oliva diventano tossici con la frittura a temperature eccessive. Il caffè è particolarmente acidificante per cui accelera i processi di invecchiamento, favorisce tutti i processi infiammatori in atto (anche quelli non gravemente patologici come la cellulite) e facilità l'instaurarsi di gastrite. Inoltre il caffè contiene tannini che risultano irritanti per tutto il tratto gastroenterico. Le sostanze grasse contenute nel chicco di caffè poi sottoposte al processo di torrefazione ad alta temperatura, vengono modificate in sostanze irritanti. Per tali motivi , anche quello decaffeinato, risulta dannoso per chi ha un intestino o colon o stomaco infiammato. Nell'intestino ne risulta un'aumentata permeabilità intestinale che consente il passaggio di materiale tossico che dovrebbe essere eliminato, all'interno dell'organismo verso il nostro fegato. Posso dire per esperienza decennale che il malato di Crohn che beve 3 o più caffè al giorno, quando li toglie sta molto meglio. I primi 7-10 giorni sono i più difficili ma una volta superata la crisi di astinenza con il relativo aumento di energia diventa più facile starne alla larga. La buona notizia è che una volta riparata la mucosa gastro-enterica con funzionalità ripristinata diventa possibile fare qualche eccezione ogni tanto. In ogni caso una volta che la persona ha passato la "crisi di astinenza" il desiderio di caffè calerà automaticamente.

13)Evitare i "cibi spazzatura" come le patatine, barrette di cioccolato, ecc. in quanto non contengono nutrienti utili mentre ne consumano molti. Inoltre sono pieni di additivi e sostanze tossiche. Le patatine fritte contengono acrilammide una sostanza tossica, cancerogena ed irritante della mucosa gastro-enterica. Questi alimenti sono in realtà dei "ladri" di nutrienti essenziali, non solo non ne forniscono ma ne richiedono di extra per essere metabolizzati. Quindi se non vanno bene per nessuno sono particolarmente dannosi per il malato di MICI che ha nelle carenze nutrizionali una componente eziologica della malattia. Un'eccezione ogni tanto, può comunque essere ben tollerata se la persona segue un programma di ripristino di funzionalità delle mucose di intestino e colon.

14)Uova: le uova sono un alimento particolare, quando fritte per alcune persone sono particolarmente pesanti per il fegato a causa dei grassi ossidati ed alterati dal calore che, nelle uova fritte, diventano sostanze tossiche. Al contrario se l'uovo è crudo (meglio alla coque per eliminare eventuali residui di carica batterica periferica) si tratta di un alimento molto nutriente. In particolare è molto facile da digerire, non appesantisce ma fornisce tutti gli aminoacidi essenziali ed in una proporzione reciproca particolarmente ideale per il nostro organismo e soprattutto per il fegato. Tale caratteristica lo rende particolarmente utile in caso di malattia o convalescenza. Il colesterolo ivi contenuto non risulta pericoloso in quanto compensato da una elevata quantità di lecitina pure contenuta che lo "neutralizza". Si quindi all'uovo alla coque o anche sodo (non più di nove minuti in acqua bollente) anche a colazione.

15)Questo è uno degli ultimi punti ma è sicuramente uno dei più importanti: i prodotti da panificio molli come il pane, la pizza, le brioche, le focacce ecc. vanno eliminati. In effetti l'ideale sarebbe (soprattutto in caso di disturbi digestivi ma anche per moltissime malattie non direttamente connesse all'intestino) un'astensione da tali alimenti per almeno 3 mesi mentre in parallelo si segue un programma di integrazione per risolvere l'infiammazione. Sono invece consentiti i prodotti da panificio secchi come crackers (ottimi i crackers wasa; andare su google immagini e digitare), grissini ecc. purché non di frumento. Ciò è dovuto ad una quantità più limitata di lieviti ma soprattutto all'elevata temperatura di cottura a cui sono sottoposti i prodotti secchi che altera i lieviti rendendoli molto meno dannosi. Del resto non è salutare ne consigliabile eliminare del tutto i carboidrati che devono, nelle giuste proporzioni, far parte della nostra alimentazione.

16)Sempre riguardo ai cereali è consigliabile non usare il frumento a causa del contenuto di glutine particolarmente irritante, molto più irritante che in altri cereali pure contenenti glutine. Ok quindi per farro, riso kamut ecc. a meno di intolleranze relative specifiche. Il glutine del frumento è particolarmente irritante in quanto alterato geneticamente per renderlo più lavorabile, quindi più colloso, quindi più infiammatorio. Il frumento è consentito se si tratta dei grani antichi come il "senatore capelli". Nei casi più gravi è utile fare un periodo di alcuni mesi in cui si eliminano completamente TUTTI i cereali, dal riso al kamut al frumento ecc. Tale dieta non è facile da seguire ma a mali estremi ,estremi rimedi. Abbiamo potuto osservare miglioramenti inaspettati da chi - in condizione di gravità della malattia - ha seguito tale programma alimentare che comunque non va fatto per sempre a tempo indefinito. Per chi vuole approfondire consiglio il libro della dieta ai carboidrati specifici della Dottoressa Elaine Gottschall.

17)Appena alzati e prima di colazione (ma eventualmente anche durante il giorno va bene) una spremuta con un limone ed acqua tiepida è molto salutare per svariati motivi. Disinfetta l'intestino, ha un'azione mineralizzante, aiuta a depurare fegato e pelle, migliora la circolazione grazie ai bioflavonoidi (specialmente se si mangia la parte molle e bianca della buccia), decalcifica l'organismo grazie ai citrati di magnesio e potassio ed assiste nella depurazione dei tessuti connettivi. Per evitare danni allo smalto dei denti da parte dell'acido citrico si consiglia di bere tramite cannuccia.

18)Alimenti e spezie consigliati per la loro azione antifiamamtoria o antibiotico-naturale: succhi (vedi prossimo punto), curcuma, frutti di bosco, rosmarino, chiodi di garofano


19)L'assunzione di estratti o centrifugati può giocare un ruolo molto importante per un trattamento naturopatico per il morbo di Crohn o la RCU. Si tratta se vogliamo dei "rimedi della nonna" cioè quei consigli di un tempo che - in mancanza di medicine specifiche - utilizzavano i mezzi naturali a disposizione per affrontare una malattia. Ecco alcuni di questi consigli "della nonna" che però possono considerarsi fondamentali per il trattamento del Crohn e di altre malattie o disturbi dell'intestino:

Succo di carote in bottiglia o da centrifuga. La carota è un regolatore sia del fegato che dell'intestino con azione depurativa e cicatrizzante anche grazie all'alto contenuto di carotenoidi.
Mezzo litro da bere 2-3 volte la settimana.

Spremuta di pompelmo 3-4 volte la settimana. Facilità la digestione intervenendo sulle secrezioni gastriche e biliari., drena reni e fegato ed ha un azione antinfiammatoria. No a pompelmi se si assumono farmaci cortisonici, biologici, immunosoppressori.
Succo di cavolo. A causa di vari principi attivi ed in particolare dell'amionacido L-glutammina, il succo di cavolo ha ottime proprietà cicatrizzanti sia per lo stomaco che per l'intestino ed il colon. Indicato anche nelle ulcere. No ai cavoli in caso di ipotiroidismo.

Queste restano comunque indicazioni generiche che non possono sostituire le indicazioni su misura consigliate dal Naturopata dopo un´attenta analisi della persona e delle sue intolleranze alimentari. Poichè siamo tutti diversi può darsi che per alcuni sia necessario modificare le quantità e modalità di assunzione dei succhi e spremute.

20)Se la persona è consapevole che uno o più alimenti specifici causano effetti negativi al suo tratto digerente questi alimenti vanno tolti dall'alimentazione anche se nella lista dei cibi consentiti o consigliati in questo articolo.


21) Questi sono consigli generici, per avere un piano alimentare più personalizzato è necessario valutare anche le intolleranze con un test adeguato. Vedi articolo sulle intolleranze e relativi test. Tramite questo test di terza generazione è possibile valutare oltre 600 alimenti e con precisione individuare tutti gli alimenti che disturbano ed infiammano il nostro tratto digerente

22) La strategia alimentare consiste nell’astenersi dagli alimenti intolleranti e pro-infiammatori per un tempo sufficiente (due, tre o quattro mesi) da consentire alla mucosa intestinale di risanarsi così da richiudere la permeabilità intestinale che è causa fondamentale per lo sviluppo di intolleranze alimentari oltre che di altri disturbi per la salute. Tale risanamento delle mucose, anche laddove si riscontri un effettivo miglioramento dei sintomi , nella maggior parte dei casi - un alta percentuale - non si verifica con la sola alimentazione per diversi motivi. Uno ad esempio è il fatto che per ripararsi la mucosa ha bisogno di quantità extra di determinati nutrienti specifici che, proprio a causa dello stato di scarso assorbimento , sono presenti solo in quantità molto limitata e tale da non consentire il risanamento delle mucose. Per tali motivi è consigliabile eseguire allo stesso tempo un programma di riparazione e detossificazione intestinale visto che la riparazione ed il ripristino della funzionalità delle mucose di colon ed intestino, richiede specifici nutrienti. Senza questa "riparazione" il rischio è che la persona sviluppi comunque nuove intolleranze ai cibi ora facente parte del nuovo piano alimentare basato sull'eliminazione dei cibi intolleranti e pro-infiammatori.
Ecco perché coloro che hanno ottenuto notevoli benefici (vedi in fondo ai consigli) hanno seguito in contemporanea sia un corretto piano alimentare , sia il protocollo di disintossicazione per intestino e colon in tre - cinque fasi che ha lo scopo di ripristinare la funzionalità delle mucose e dell'intestino stesso.

23) Ultimo consiglio alimentare: rimuovendo alimenti pro-infiammatori ed intolleranti si corre il rischio di fissare la propria attenzione e quindi la propria spesa solo su alcuni alimenti. Eppure paradossalmente un intestino infiammato ha ancora più necessità di un altro di variare spesso gli alimenti mettendoli a rotazione ed avendo quindi a disposizione un'ampia gamma. Ad esempio sarebbe bene avere almeno 3 colazioni differente da roteare durante la settimana ed ancora maggiori variazioni nei rimanenti pasti. Evitare il più possibile di avere cibi che mangiate tutti i giorni. Per fare ciò pur con le limitazioni di un programma alimentare antinfiammatorio è necessaria un pò di creatività , bisogna prima di tutto cambiare punto di vista sui probabilmente molti alimenti che magari non avete mai acquistato, magari perché cibi un pò esotici, in pò particolari , poco conosciuti ecc. Ecco questo è il momento di ricorrere anche a questi alimenti, fare una buona ricerca di mercato anche in negozi specializzati che di solito non frequentiamo e riuscire ad avere sufficienti diversi alimenti da roteare.

24) Spesso mi si chiede "ma cosa mangio a colazione ?" Bene ecco 3 idee che possono appunto essere utilizzate in rotazione durante la settimana: A) crackers Wasa (o di altro tipo) con un pò di burro chiarificato spalmato, poi un filo di marmellata di buona qualità (ottima quella di arance amare) e sopra ancora un pò di semi di canapa decorticati oppure noci pecan (triturate o meno). Si tratta di una colazione estremamente gustosa che consiglio a tutti. B) colazione alternativa e rapida: latte di riso (o di mandorla o di avena ecc. ma non di mucca o di capra) e proteine in polvere vegane, ottime ad esempio le proteine Gorilla senza glutine facilmente ordinabile on-line. Anche questa è una colazione molto gustosa. C) Tofu tagliato a fettine messo sopra a delle fette di farro su cui è già stato spalmato un sottile strato di miele. E siamo a tre colazioni diverse da alternare. Una pianificazione analoga va poi fatta per variare il più possibile anche pranzo e cena.

Seguendo questi consigli in parallelo al protocollo naturopatico per le MICI è possibile conseguire questi risultati

Per essere seguiti a livello nutrizionale è possibile contattare lo studio tramite mail: mbn@teletu.it o per telefono al 335-7926742.



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata